Tolomeo Mega

Tolomeo Mega

Michele De Lucchi, Giancarlo Fassina

Azienda: Artemide

Ubicazione: Palazzina del Fuga

Anno di realizzazione: 2002

Anno di installazione: 2019

Descrizione dell'opera

«La mia ricerca oggi si concentra sulla costruzione di una nuova tipologia di edifici, le Earth Stations. Il senso dell’architettura sta cambiando, le tipologie tradizionali degli edifici non soddisfano più le nostre esigenze: è necessario creare nuovi luoghi di incontro e scambio culturale per favorire le relazioni umane produttive e attrarre le persone a vivere pienamente gli spazi costruiti». (Michele De Lucchi)

L'artista

Michele De Lucchi
(Ferrara 1951)

Si laurea in architettura a Firenze nel 1975, mentre si avvicina al design radicale e ben presto diviene protagonista dei movimenti Cavart, Alchymia e Memphis. L’attività professionale si concentra sul disegno industriale e l’architettura d’interni, soprattutto di luoghi di lavoro e musei. Collabora con aziende come Kartell, Artemide, Arflex, Molteni, Telecom, Enel, Deutsche Bank, Poste Italiane, Intesa Sanpaolo e dal 1988 al 2002 è responsabile del design per la Olivetti.

Leggi tutto

Tra i progetti di architettura si ricordano il Telecom Future Centre e la biblioteca Nuova Manica Lunga della Fondazione Cini a Venezia, l’allestimento del Neues Museum di Berlino, il ponte della Pace a Tbilisi in Georgia, il Padiglione Zero per l’Expo di Milano, le Gallerie d’Italia e l’Unicredit Pavillion a Milano. Dal 1976 affianca alla professione l’attività universitaria: nel 2001 diventa professore ordinario presso la facoltà di Design e Arti dello IUAV di Venezia, dal 2008 è ordinario presso la Scuola del Design al Politecnico di Milano e membro dell’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1990 fonda l’azienda Produzione Privata, per realizzare oggetti con tecniche artigianali. La sua ricerca attuale si concentra sulle Earth Stations, una nuova tipologia di edifici pensati per favorire le relazioni umane produttive. Nel 2018 è direttore della rivista «Domus». Molti i riconoscimenti, tra cui due Compasso d’Oro, quattro premi Smau, la nomina a Ufficiale della Repubblica italiana per meriti nel campo del design e dell’architettura e l’Honorary Doctorate dalla Kingston University. Le sue opere sono nella collezione di musei internazionali come il Centre Pompidou di Parigi.

Giancarlo Fassina
(Milano 1935 - 2019)

Si laurea in architettura al Politecnico di Milano e si specializza nella progettazione della luce. Illuminare i luoghi e l’arte è il suo mestiere e la sua passione: cura ogni dettaglio, studiando tecnicamente le ombre, le angolazioni e l’intensità della luce. Nel 1965 inizia a lavorare con Artemide, collaborando con ottimi designer e progettando lampade di successo. Tra queste, la serie Tolomeo, ideata con Michele De Lucchi, vince il Compasso d’Oro nel 1989. Come light designer, progetta allestimenti per mostre e musei, collaborando con Marco Zanuso e Mario Bellini nel 1985 e nel 1986.

Leggi tutto

Progetta l’illuminazione dell’aula magna dell’Accademia di Brera. Insegna disegno industriale e ingegnerizzazione del prodotto all’istituto ISIA di Firenze. Dal 2001 progetta, con Carlo Forcolini, vari sistemi di illuminazione per Luceplan, Lucitalia, Nemo, Valenti, Caimi Brevetti e partecipa alla fondazione di OY-Light.

Tolomeo Mega

© Credits: Massimo Listri